All’indomani della sua presentazione, la manovra finanziaria correttiva 2011-2012 è al centro di un intenso dibattito. Alcuni dei provvedimenti annunciati sono già stati modificati. Ricordiamo infatti che la manovra è stata sì approvata dal Consiglio dei Ministri lo scorso 25 maggio ma il Governo sta ancora lavorando al testo definitivo del decreto legge che verrà poi pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

Per permettere ai nostri lettori – in questi giorni particolarmente numerosi – di seguire in tempo reale e l’evoluzione della manovra, pubblichiamo un aggiornamento sulle misure che riguardano le pensioni.

  • Decorrenza della pensione - precisazioni sulle clausole di salvaguardia:
    1. La normativa precedente è applicata a chi, al 30 giugno 2009, ha in corso il periodo di preavviso e maturerà i requisiti di età e anzianità contributiva entro la data della cessazione del rapporto di lavoro.
    2. Per il personale della scuola restano in vigore le vecchie regole.
    3. Il mantenimento della salvaguardia per chi è in mobilità: riguarderà 10.000 lavoratori.
  • Età pensionabile per le lavoratrici dipendenti pubbliche: facendo un passo indietro, si ritorna all’incremento graduale di un anno ogni 24 mesi, in modo da raggiungere il requisito definitivo dei 65 anni di età nel 2018.
  • Contributo di solidarietà per le pensioni superiori a 13 volte il minimo INPS: non compare più nella bozza del provvedimento che circola in queste ore.